11

dicembre

2017

Bambini in sovrappeso e sedentarietà

Bambina annoiata mangia popcon

Oltre all'aumentato consumo di cibi ricchi di energia e ricchi di grassi, la generale tendenza alla sedentarietà ha contribuito in modo notevole al vistoso incremento della prevalenza dell'obesità.

Questo nuovo stile di vita è favorito dal rilancio tecnologico che riduce al minimo sforzo ogni attività della giornata: trasporti automatizzati, ascensori, scale mobili, riscaldamento, lavatrice, lavastoviglie, computer, telefoni interni, telecomando, telefono cellulare, alzacristalli elettrici, spazzolino elettrico, grattugia elettrica…e così per tanti altri aspetti della quotidianità di ogni persona.

La riduzione dell’attività fisica quotidiana, causa importante dello sviluppo del sovrappeso, è progressiva con l’aumentare dell’età soprattutto nelle ragazze.

Nell’ambito delle attività sedentarie che occupano sempre maggior spazio nella giornata dei ragazzi, a televisione e computer sono dedicate molte ore con effetti ed conseguenze importanti e preoccupanti: riduzione del metabolismo, visione di pubblicità alimentari, invito a mangiare, sottrazione di tempo ad attività più dispendiose.

È stata più volte sottolineata la correlazione tra ore trascorse davanti alla televisione e grado di sovrappeso, logica conseguenza di uno squilibrio tra introito e dispendio energetico e della modificazione delle preferenze alimentari indotta dall’esposizione a spot alimentari anche di brevissima durata (30 secondi).
Secondo recenti analisi ogni 5 minuti viene trasmesso uno spot alimentare.

Tra i fattori che possono influenzare il BMI nell’adolescenza rientrano infine i redditi delle famiglie di appartenenza che spesso si ripercuotono in una bassa qualità degli alimenti, basso consumo di fibra ed elevato apporto di grassi (cibi pronti e preconfezionati, merendine e fast food).

 

Articoli correlati

Armband

Movimento e salute

Armband

11 dicembre 2017