17

aprile

2018

Vitamina C

Alimenti_dieta

La vitamina C ha azione anti-infettiva (produzione di anticorpi), antitossica (inattivazione di alcune tossine), di attivazione di diversi enzimi, regola il metabolismo dei vari nutrienti, ha potere antiossidante, interviene nella conversione del colesterolo in acidi biliari, blocca la sintesi delle nitrosammine (sostanze cancerogene), previene con il ferro l’assorbimento del cadmio e favorisce l’assorbimento del ferro.

La carenza determina lo scorbuto, che non compare immediatamente con la riduzione dell’apporto di vitamina C in quanto il nostro organismo è in grado di accumulare, entro certi limiti, riserve di questa vitamina.

Non dà problemi di tossicità in quanto l’eccesso viene eliminato con le urine.

Presente soprattutto nel mondo vegetale, è però largamente inattivata dalla cottura poiché si ossida facilmente.

Il fabbisogno di vit. C è di 60 mg/die nell’adulto e 45 mg nei bambini. Poiché nei fumatori il turnover metabolico della vitamina C aumenta di oltre il 40%, il fabbisogno va raddoppiato.
In gravidanza il fabbisogno è di 70 mg/die a in allattamento 90 mg/die.

ALIMENTI
Vit. C mg/100 g alimento
prezzemolo 162
peperoni 151
rucola 110
kiwi 85
cavolo broccolo verde 77
succo di frutta 60
spinaci 54
fragole 54
arance 50
limone 50
verza 47
radicchio verde 46
spremuta di pomodoro 44
succo di limone 43
mandarini 42
pompelmo 40

Articoli correlati