25

dicembre

2017

Guarda ciò che mangi: i colori della Salute

Frutta e verdura sono ricche di acqua e fibra, presentano un basso apporto calorico e costituiscono una delle principali fonti di vitamine e minerali della nostra dieta.

Contengono inoltre alcune sostanze protettive specifiche, chiamate polifenoli e flavonoidi, responsabili della differente colorazione dei vegetali stessi.

Per questo è importante, non solo privilegiare la quantità ma anche la varietà di frutta e ortaggi, per consentirci di assumere tutte queste importanti sostanze.

Le diverse colorazioni possono essere raggruppate in 5 categorie: rosso, verde, bianco, giallo/arancio e blu/viola.

Rosso

Angurie, arance rosse, barbabietole, ciliegie, fragole, peperoni, pomodori, rape rosse, ravanelli.

  • Perché: contengono licopene e antocianine; sostanze ad affetto antiossidante.

Giallo/Arancio

Arance, limoni, mandarini, pompelmi, meloni, albicocche, pesche, kaki, nespole, carote, peperoni, zucca.

  • Perché: sono ricchi di beta carotene, vitamina C, flavonoidi e potassio.

il betacarotene, che conferisce la tipica colorazione, è il precursore della vitamina A, vitamina coinvolta nel metabolismo del ferro e responsabile del corretto funzionamento del sistema immunitario, della capacità visiva e della pelle, della capacità visiva e della funzione del sistema immunitario nella normalità.

Verde

Asparagi, basilico, biete, broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavoli, cavolo cappuccio, carciofi, cetrioli, cicoria, cime di rapa, insalata, rucola, prezzemolo, spinaci, zucchine, uva bianca, kiwi.

  • Perché: sono ricche di magnesio e acido folico; sostanze che contribuiscono al corretto funzionamento del sistema immunitario, del sistema nervoso e del metabolismo energetico, riducendo la sensazione di stanchezza e di affaticamento.

Bianco

Aglio, cavolfiori, cipolle, finocchi, funghi, mele, pere, porri, sedani.

  • Perché: garantiscono un apporto di potassio, composti solforati, polifenoli, flavonoidi, vitamina C e selenio.

Blu-Viola

Melanzane, radicchio, cavolfiore violetto, cavolo cappuccio rosso.

Fichi, lamponi, mirtilli, more, ribes, prugne, uva nera

  • Perché: sono alimenti ricchi di antocianine, beta carotene, vitamina C, potassio e magnesio.

Stagionalità e freschezza di un prodotto influenzano i valori nutrizionali di frutta e ortaggi. Preferire frutta e verdura di stagione ha diversi vantaggi. Significa consumare i prodotti che offrono le migliori qualità organolettiche, colti nel pieno dei loro valori nutritivi, coltivati in Italia e che, data la maggiore disponibilità di mercato, costano meno.

In ogni stagione è possibile seguire la linea dei 5 colori, variando fra i prodotti della nostra terra e componendo, mese dopo mese, un menù sempre diverso.

Proprio grazie alla stagionalità dei diversi prodotti è possibile rendere sempre varia e gustosa la nostra alimentazione.

Giulia Puggioli-dietista-