13

dicembre

2017

Se vuoi dimagrire devi sapere che…

persona_davanti_bivio_dimagrimento

La dieta dimagrante nel senso convenzionale del termine nel lungo periodo è sicuramente perdente. Impone all'organismo una restrizione calorica e di carboidrati che innesca l'inevitabile perdita di controllo e il recupero dei chili perso.

Che fare per non attivare questo meccanismo?

Misurare il proprio metabolismo

E sapere esattamente quante calorie bisogna assumere per non attivare questo meccanismo.

  • Mettersi a dieta significa fare una scelta di salute. Iniziare un percorso per la vita. Non doversi più trovare ad un bivio decisionale se stare o non stare a dieta. Investire nel lungo periodo perché le nostre diventino delle abitudini definitive. Il migliore alleato è il tempo e non esistono scorciatoie.
  • E’ utile sostituire l’idea della dieta con il proposito di muoverti il più possibile. Senza un’attivita motoria giornaliera adeguata e un’attività fisica programmata non è possibile controllare il peso corporeo.
  • Bisogna allenarsi alla propria normalità fatta di regole ma anche di trasgressione. Allenarsi alla regola perché questa diventi un’ abitudine. Allenarsi a tornare alla regola dopo la trasgressione cercando di non viverla coma la fine della dieta ma come la giusta pausa, il meritato riposo che serve per ricaricarsi e farci partire più in forma di prima.
  • Bisogna prima curare l’obeso, la mente, i pensieri e di conseguenza curare l’obesità, i chili, la malattia.
  • E’ utile cercare di avere per sempre delle attenzioni verso un’alimentazione sana fatta della giusta quantità di cibo ma magro e del giusto movimento quotidiano che mette in moto tutta una serie di reazioni metaboliche che favoriscono la perdita e il mantenimento del peso perso.
  • Conviene dimagrire perché aiuta a vivere meglio in un mondo dove magro è bello e, soprattutto, sano e fonte di benessere psicofisico. Se stiamo bene con noi stessi stiamo meglio con gli altri.
  • Devi cercare di evitare la fame e devi allenarti a sentire la sazietà . La prima ti fa perdere il controllo la seconda ti dà la tranquillità e la capacità di saperti gestire.
  • Se non assumi quello che ti serve il tuo fisico fa di tutto per farti assumere cibo. Alla mancanza di ossigeno e di acqua non puoi resistere specialmente se hai la disponibilità o la possibilità di respirare, o bere. Lo stesso succede quando privi il tuo fisico del cibo che gli serve. Non sei tu che sei debole ma è l’istinto della sopravvivenza. La vita è possibile solo in presenza di acqua, ossigeno ed energia. Non devi, quindi, fare mai diete standard non elaborate su misura: è come pretendere che un vestito ti calzi bene se non è della tua taglia.
  • Il fallimento ti fa sentire in colpa, fallito e depresso mentre riuscire a fare anche piccoli passi ti carica, ti rende sereno.
  • Se scegli la salute il percorso lo valuterai non solo con la bilancia ma per come ti senti, ti vedi e per tutti gli obiettivi che riesci a raggiungere. Valorizzare gli obiettivi raggiunti aiuta a mantenere nel tempo il peso raggiunto.

 

 

Articoli correlati