7

maggio

2019

OSAS e depressione: quale legame?

Secondo recenti studi, le apnee notturne si assocerebbero a disturbi depressivi

Cos’è l’OSAS? La Sindrome da apnee notturne (detta OSAS) è caratterizzata da episodi di apnea durante il sonno. Questi episodi portano con loro diversi effetti negativi a carico della salute mentale e fisica.

La persona che soffre di OSAS esperisce una frammentazione del sonno, con un’aumentata sonnolenza durante il giorno , che porta a difficoltà nella gestione delle attività quotidiane e lavorative, a causa di diversi disturbi secondari ( come mancanza di concentrazione, irritabilità, sbalzi d’umore, etc.).

Secondo recenti studi, le apnee notturne si assocerebbero a disturbi depressivi.

Lo stretto legame tra OSAS e depressione deriva da due aspetti:

  • la mancanza di sonno ha come conseguenza una compromissione della qualità della vita, associata ad un abbassamento del tono dell’umore;
  • apnee notturne e depressione sembrano condividere un substrato comune, cioè la carenza di serotonina. Quest’ultima ha un ruolo importante sia nella regolazione dell’umore che nel controllo del tono muscolare delle vie aeree superiori durante il sonno. Una riduzione della serotonina potrebbe quindi essere alla base dell’abbassamento del tono dell’umore e delle apnee notturne.

Nonostante non sia stato del tutto chiarito se la depressione sia causa o conseguenza dei sintomi dell’OSAS, è importante valutare l’eventuale comorbilità tra queste due condizioni per adottare il trattamento più adeguato ed alleviare entrambe.

Presso il nostro Ambulatorio è possibile effettuare l’esame della Polisonnografia.

Per informazioni e prenotazioni:

041 531 76 38

info@obesita.org

 

 

Articoli correlati