6

ottobre

2020

La dieta mediterranea

La dieta mediterranea è la dieta degli anni 50’ dei popoli che si affacciano sul mediterraneo. La dieta dei nostri antenati che per necessità e tradizione si nutrivano prevalentemente dei prodotti della terra e che erano costretti alla fatica fisica  perchè l’essere contadini implicava il lavoro nei campi.

Il valore protettivo di questo equilibrio alimentare e motorio è stato evidenziato da uno studio condotto da Ancel Keys ( ricercatore americano) in cui vennero messe a confronto le diete adottate da Stati Uniti e paesi mediterranei.

La dieta mediterranea risultava   protettiva nei confronti delle malattie cardiovascolari.

Negli anni altri studi hanno evidenziato il beneficio anche in termini di riduzione di rischio e di protezione dlle malattie metaboliche (diabete) e oncologiche.

Le sostanze protettive chiamate in causa sono principalmente i polifenoli contenuti nei prodotti vegetali (frutta e verdura) in particolare nei pomodori (licopene), agrumi,ciliegie, frutti di bosco, olio di oliva, aglio, cipolla, radicchio, cavoli, broccoli. Altre fonti sono il the verde e nero, il cacao, la cioccolata ed il vino rosso (resveratrolo).

La raffigurazione di tale dieta è la piramide alimentare, che visivamente e in modo decrescente fa vedere le quantità dei cibi consigliati, ovvero carboidrati possibilmente integrali, legumi, verdura e frutta seguiti da pesce pescato, carni possibilmente bianche, formaggi, grassi, zuccheri.

Tale piramide dovrebbe, inoltre, contenere anche il livello di attività motoria fatto prevalentemente di camminate veloci e in parte di attività intense.

La dieta mediterranea adattata per quantità al metabolismo (misurato con la calorimetria indiretta) del singolo individuo permette inoltre di poter gestire un peso sano e di raggiungerlo se si è in condizioni di sovrappeso.

Contrariamente ai vari modelli alimentari di moda che rappresentano delle soluzioni temporanee, la dieta mediterranea non ha scadenza perchè educa ed educa per sempre.

Se ti “metti a dieta” fallisci, se ti educhi lo fai per sempre

Articoli correlati