5

dicembre

2017

Dieta e DNA: così la perdita di peso raddoppia

Emerge sempre più chiaramente il ruolo dei geni nell’efficacia delle diete. Il ricorso a diete dimagranti standard può essere vanificato dalla presenza di certi polimorfismi genetici o da combinazioni di essi. Per contro, la corretta selezione dello schema alimentare in base al genotipo specifico consente di aumentare sensibilmente le probabilità di successo della dieta.

Dai vostri geni indicazioni per la dieta ideale

E’ quanto emerge dallo studio presentato in occasione del convegno annuale dell’American Heart Association dai ricercatori della Standford University, negli USA. La ricerca è stata condotta su 141 donne in sovrappeso, alle quali è stata assegnata una dieta attinente al proprio profilo genetico.

Queste donne, seguite per un anno, hanno perso il doppio o il triplo del peso iniziale rispetto alle altre che invece avevano seguito un regime  alimentare ipocalorico non modellato sul proprio patrimonio genetico. Inoltre, nelle partecipanti che avevano seguito una dieta “su misura” per il proprio DNA è stato osservata una riduzione della   circonferenza vita due o tre volte maggiore rispetto al gruppo dei controlli .

“La diversità nella perdita di peso per gli individui che seguivano una dieta abbinata al loro genotipo rispetto a una che non è stato abbinata”, ha spiegato Christopher Gardner, ricercatore che ha coordinato lo studio, “è molto significativa e rappresenta un approccio alla perdita di peso che non è mai stato segnalato in letteratura”. “Utilizzare le informazioni genetiche per le diete” ha concluso l’esperto, “potrebbe contribuire a risolvere il problema del peso eccessivo nella nostra società”.

Il pannello genetico, selezionato sulla base di studi pubblicati su prestigiose riviste scientifiche internazionali, è stato sottoposto ad una severa fase di verifica.

E’ sulla base di questi risultati e dei suoi studi di genetica nutrizionale che oggi Research and Innovation di Padova con la collaborazione del Dott. Luigi Oliva di Mestre è in grado di offrire un pannello di esami di cui il dietologo può avvalersi per la definizione della dieta ottimale.