5

ottobre

2020

“Diete dimagranti”? Un successo temporaneo seguito da un fallimento duraturo

Diete_da_non_fare

Le sirtuine sono delle molecole che regolano importanti vie metaboliche, mediano fenomeni quali l’invecchiamento, la resistenza allo stress e il bilancio energetico aumentando il metabolismo basale.

Esistono cibi che sono attivatori le sirtuine quali il vino rosso, il cavolo verde, gli agrumi, il tè verde, la curcuma, i mirtilli, il prezzemolo, i capperi, le mele e il cioccolato fondente, l’olio di oliva e il cumino.

Il resveratrolo, forse il più famoso degli antiossidanti, presente nel vino rosso o il licopene presente nei pomodori sono potenti attivatori le sirtuine.

A questi cibi sarebbe attribuito il ruolo di attivatori dei geni che favoriscono il dimagrimento.

Su queste basi nasce la dieta sirt, salita agli onori della cronaca perché utilizzata da personaggi famosi quali la cantante Adele.

Tutte le diete “commerciali” , solitamente in voga per un tempo  limitato, quali la dukan, aktins, hanno di certo il vantaggio di attivare una perdita di peso veloce perchè fortemente ipocaloriche ma allo stesso tempo possono creare effetti negativi   quali l’attivazione del discontrollo alimentare con conseguente abbuffate e recupero del peso perso.

Un temporaneo successo seguito da un fallimento più duraturo.

L’obesità è una condizione di lunga durata che necessita di cure interdisciplinari ( medico, psicologo, dietista) che vanno oltre la dieta e il peso corporeo. La sola dieta prescrittiva nella maggior parte dei casi è fallimentare e paradossalmente ingrassante nel lungo periodo.

Noi ci facciamo carico della cura della persona, della sua storia, del suo funzionamento per educarla e farle acquisire conoscenze e abilità comportamentali per sapersi gestire per sempre.

Se ti “mettiamo a dieta” falliamo,  se ti “curiamo” lo facciamo per sempre.

Articoli correlati