28

gennaio

2018

Binge Eating Disorder: quale terapia

Man at the psychotherapist

Il trattamento più efficace nella cura del disturbo da alimentazione incontrollata è la terapia psiconutrizionale interdisciplinare che è in grado di determinare una diminuzione importante o la scomparsa delle abbuffate in tempi molto brevi.

Nell’ambulatorio del Dott. Oliva viene proposto questo modello di terapia da diversi anni riscontrando sempre più frequentemente la risoluzione della sintomatologia e la conseguente gestione del peso corporeo. Questo modello di terapia bio-psico-sociale affronta tutti gli aspetti che causano e perpetuano il disturbo.

E’ il disturbo alimentare più frequente e quello che si cura più facilmente.

Il primo passo da fare è uscire dall’isolamento e chiedere aiuto possibilmente rivolgendosi ad una Struttura Sanitaria dove operano in sinergia medici, psicologi e dietisti.

Scegli di volerti bene affidandoti a professionisti esperti che possano guidarti in questo affascinante e innovativo percorso

La terapia per il BED è una terapia strutturata che prevede l’utilizzo di un manuale “il cambiamento possibile” elaborato dai professionisti del centro con la supervisione del dott. Luigi Oliva e del Prof. Nazario Melchionda.

Sono previsti 12 incontri settimanali per i primi tre mesi e successivamente 6 incontri con frequenza quindicinale.

Nella terapia manualizzata BED non si utilizza la prescrizione dietetica ma l’automonitoraggio alimentare, motorio e dei pensieri oltre a varie schede di lavoro indispensabili per portare un soggetto dalla passività di chi esegue all’attività che rende consapevoli.

“IL CAMBIAMENTO POSSIBILE” prevede 4 step di terapia che possono essere raggiunti in sei mesi e sono preceduti dalla fase di preparazione.
Si parte dal risveglio della consapevolezza ( motivazione al cambiamento), all’apprendimento esperienziale ( sia di tipo nutrizionale che motorio), alla competenza ( sapere di sapere come fare) e all’autonomia ( acquisizioni di abilità comportamentali)

La FASE DI PREPARAZIONE è dedicata all’ accoglienza ( ascolto attivo) e al contratto terapeutico ( ci prendiamo cura del paziente se il paziente decidere di prendersi cura di sé ). Mettiamo a disposizione del paziente le nostre competenze e il nostro tempo e chiediamo in cambio l’impegno e il tempo richiesto.

IL PRIMO STEP della CONSAPEVOLEZZA E MOTIVAZIONE AL CAMBIAMENTO è finalizzato al far nascere il bisogno del cambiamento tramite 7 fasi di terapia

I fase. Identificare il problema per CAMBIARE
II fase. I problemi sono due: ABBUFFATE E OBESITA’
III fase. Che cos’è un’ abbuffata compulsiva?
IV fase. Il modello di autoperpetuazione delle abbuffate
V fase. Bilancia decisionale
VI fase. Automonitoraggio del cibo e del peso
VII fase. Pensieri disfunzionali su cibo e corpo

Il SECONDO STEP o della NORMALITA’ ALIMENTARE ED EDUCAZIONE AL CAMMINO è basato sull’apprendimento esperenziale sia di tipo nutrizionale che motorio.

 

I fase. Mangiare di piu’ per mangiare di meno: l’importante non è quanto ma quando

II fase. Muoversi di piu’ per pensare sano{mospagebreak}

IL TERZO STEP è finalizzato all’acquisizione della competenza ovvero al SAPERE DI SAPERE COME FARE.

Sono sei le fasi di lavoro
I fase. Antecedenti e conseguenti alle abbuffate
II fase. Situazioni ad alto rischio e attività alternative
III fase. Soluzione dei problemi
IV fase. Riconoscere le emozioni/sensazioni
V fase. Curva delle abbuffate
VI fase. Gestione delle emozioni

Il QUARTO STEP è incentrato sull’autonomia e sulla PREVENZIONE DELLE RICADUTE.
I fase. Lapse – relapse
II fase.

Prevenzione della recidiva
I pazienti devono essere educati, aiutati, e guidati a modificare il proprio stile di vita passando dalla passività di che esegue alla decisione consapevole e all’autonomia – L’obesita è una disabilita cronica che necessita di un contesto di cura continua.

L’obiettivo della terapia proposta è far acquisire alla persona conoscenze e abilità comportamentali atte al raggiungimento e alla stabilizzazione degli obiettivi concordati ( normalizzazione del comportamento alimentare e conseguentemente del peso corporeo)

 

Articoli correlati