12

gennaio

2017

Diverticolite, diverticolosi: lo stile di vita

In caso di diverticoli asintomatici si raccomanda l’adozione di una dieta ad alto residuo cioè ricca di fibre accompagnata da consigli igienico-alimentari volti a modificare la coesistenza di stipsi, e prevenire lo stato infiammatorio.

Alcuni consigli possono essere così riassunti :

  • Evitare la vita sedentaria
  • Fare la prima colazione
  • Consumare pasti regolari, non saltarli per nessun motivo
  • Abituarsi a regolarizzare l’evacuazione a orari fissi (non rimandare!)
  • Masticare bene e a lungo
  • Bere molto, almeno 1,5-2 litri di liquidi nella giornata, anche fuori pasto (acqua, tè, tisane, orzo, spremute, centrifugati di frutta e verdura)
  • Moderare il consumo di carne ed insaccati
  • Assumere yogurt con probiotici, se tollerato
  • Consumare cereali integrali (pane ben cotto o raffermo, pasta, orzo, riso, biscotti, grissini, fette biscottate, fiocchi d’avena, orzo, fiocchi di cereali)
  • Consumare, aumentando gradualmente le quantità, verdura (carote, pomodori pelati e senza semi, lattuga, scarola, sedano, fondi di carciofo, finocchi, spinaci, catalogna, punte di asparagi) e frutta (privilegiando mele, pere, arance, albicocche)
  • Consumare, valutandone la tollerabilità, cavolo, cavolfiore, broccoli, cavoletti di Bruxelles, legumi( decorticati), prugne secche e fresche, uva (eliminando i semi)
  • Si consiglia di asportare i semi e di evitare le varietà di frutta e verdura per le quali non è possibile allontanare le parti di fibra compatta: fichi, fragole, lamponi, ribes, more, kiwi, melograno, fagiolini, semi di girasole, nocciole e mandorle. In tal modo si vuole evitare che i semi o parti non ben frantumate con la masticazione rimangano intrappolate nei diverticoli infiammandoli

Durante le fasi di infiammazione acuta (diverticolite) al contrario si consiglia un’alimentazione povera di scorie con i suggerimenti che seguono.

Assumere liberamente:

  • Pane bianco tostato, grissini, crackers, fette biscottate, biscotti secchi
  • Pasta, riso, semolino
  • Uova, carne, pesce, prosciutto cotto o crudo, bresaola, formaggi (preferibilmente parmigiano)
  • Patate e carote lessate
  • Lattuga
  • Frutta senza buccia
  • Spremute filtrate o succhi al naturale
  • Centrifugati di verdura e frutta
  • Latte e yogurt (se tollerati)
  • Cibi lessi, cotti al vapore, al forno, alla griglia
  • Acqua minerale naturale, caffè decaffeinato, tè deteinato,  orzo, tisane

Evitare:

  • Prodotti integrali
  • Verdura non centrifugata
  • Legumi non decorticati
  • Cioccolato
  • Cibi piccanti e speziati (pepe, peperoncino, paprika, curry…)
  • Bevande gassate, alcolici, superalcolici
  • Formaggi piccanti (gorgonzola, pecorino, provolone)
  • Fritti
  • Piatti elaborati

Federica Mercuri-dietista-