Home Page
venerdì 23 giugno 2017

http://www.buybooks.ws
Dalla Dieta Dimagrante alla Dieta Funzionale Stampa E-mail

Dalla Dieta Dimagrante alla Dieta Funzionale


Il Paradosso delle diete dimagranti fortemente restrittive è che alla lunga diventano ingrassanti.Si perde peso per riacquistare più chili di quelli persi e in percentuale recuperare più grasso di quello iniziale . E’ meglio non iniziare mai una dieta dimagrante se non si hanno delle buone probabilità di poter mantenere il peso raggiunto.

Come fare?

E’ questo il grande impegno che sta a cuore a chi si occupa di sovrappeso e diventa l’obiettivo prioritario nella terapia dell’obesità e delle sue coomorbilità.La dieta dimagrante va sostituita con la dieta funzionale. La prima esclude i cibi cosiddetti “ingrassanti”, elenca i cibi da escludere, priva e penalizza. La seconda propone la giusta quantità di cibo sano e di alimenti che diventano farmaci in grado di creare salute. Si parla di nutraceutici, per mettere in evidenza le proprietà protettive e curative di elementi contenuti negli alimenti.


Mangiare sano aiuta a pensare sano, evitando di cadere nella trappola delle idee disfunzionali che dalla dieta “dimagrante” portano al fallimento dietologico, causa di tanti malanni.


La medicina dello Stile di Vita diventa la risposta semplice ed economica alle malattie del benessere. Uno stile di vita salutare ci protegge dal Diabete, dalle malattie vascolari e da alcune forme di malattie tumorali.Senza fumo, eccesso di alcool, con una alimentazione funzionale e una attività motoria adeguata si può vivere più a lungo ma soprattutto meglio.La parola d’ordine è promuovere gli stili di vita salutari.La sedentarietà diventa uno dei fattori di rischio più sicuri e rappresenta l’obiettivo terapeutico principale nei dismetabolismi, quali il diabete e l’obesità, e nelle malattie vascolari. Cos’è la sedentarietà e qual è il livello di attività motoria ottimale? Come si fa a stabilire la quantità di cibo da assumere? Ippocrate nel 463 A.C. già si poneva questi quesiti e affermava che se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, ne’ in difetto ne’ in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute. Negli ultimi anni si è sempre di più imposta la necessità di misurare il fabbisogno energetico, ovvero la quantità di energia spesa per mantenere le funzioni vitali in condizioni basali.La ricerca tecnologica, inoltre, è riuscita a produrre microprocessori, derivati dalla nanotecnologia, in grado di monitorare lo stile di vita e la conseguente spesa energetica.


Ultimo aggiornamento ( mercoledì 23 settembre 2015 )

DISTURBI ALIMENTARI


OBESITA' INFANTILE


ANORESSIA BULIMIA



GRASSO VISCERALE ?


MEDICINA ESTETICA



LA DIETA GENETICA



LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO SITO NON SOSTITUISCONO IN NESSUN MODO IL MEDICO A CUI COMPETE LA DIAGNOSI E LA TERAPIA
Ambulatorio Specialistico Dott. Oliva - Prevenzione e cura obesità e disturbi alimentari
Dir. Sanitario Dott. Luigi Oliva Aut. Reg. 115 del 15/09/04
Centro "La Vela" - Viale Ancona 24 - Mestre -Venezia -
Tel. 041 5317638 Fax 041 5322349
e-mail: info@obesita.org P.iva 00919180273
Privacy policy
© Copyright 2005 dott. Luigi Oliva
CMS PortalWare  by Fabrizio Penso
Project by Promoservice.com